Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

La leggenda del pozzo dell'amore

Lungo la strada che collega Affi con la frazione di Caorsa, quasi al confine con Cavaion Veronese, c'è un pozzo molto particolare: il pozzo dell'amore.

Si chiama pozzo dell'amore perché attorno ad esso circolano diverse leggende che parlano di un amore contrastrato di un ragazzo e una ragazza. Non si conosce il tempo in cui è ambientata questa leggenda, ma quello che è noto, è che proprio al pozzo due fanciulli si sono conosciuti ed è lì che è scoccato il loro grande amore. Si sarebbero dovuti sposare, ma il matrimonio non si celebrò mai.

C'è chi dice che il loro amore non era gradito ai familiari e chi, invece, parla di un'improvvisa sparizione della ragazza. Rimasto solo, il giovane quasi impazzì dal dolore. Si ritirò in una cappella sul Monte Baldo a vivere da eremità. L'unico sollievo per lui era la bellezza della natura che gli ricordava la bellezza della sua amata.

Due sono i finali di questa storia: la versione tragica vede i due gettarsi nel pozzo per morire insieme e vivere nell'aldilà la loro storia d'amore infinita. L'altra versione invece, quella dei sognatori, è un lieto fine per questi ragazzi, il cui amore meritava di essere vissuto anche nell'aldiquà.