fbpx

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Il caco indeciso

E' un caco o una mela?
E' un caco mela!

Il caco mela è un ibrido? La risposta è no: il caco mela non è altro che il frutto sviluppato da una varietà della diospyros kaki, la pianta madre e specie originaria dell’Asia.

Il frutto è formato da una bacca generalmente sferica, di colore arancione: il caco mela, inoltre, contenendo poco tannino, si può consumare già dopo la raccolta. La possibilità di tagliarlo a fette, come la mela, gli ha “conferito” con il tempo questa denominazione. Il sapore è molto dolciastro e la raccolta si effettua generalmente a novembre.

Che differenza c’è tra caco e cacomela? Nessuna: la pianta madre è sempre la stessa, la diospyros kaki.
Il frutto che si ottiene è solo una varietà sviluppata per impollinazione di polline maschile, sprovvisto originariamente nella diospyros kaki.
Il caco mela, come tutti i frutti tardivi, è un alimento fortemente energetico. Se consumato a consistenza sana, risulta essere meno zuccherino del caco “classico”: con circa 100-200 g, si assumono calorie contenute, dai valori stimabili tra i 65 e 130.
Non contenendo lattosio e glutine, viene ben tollerato dai celiaci.

Attenzione però al potere calorico del contenuto zuccherino del frutto: si sconsiglia un uso eccessivo per le persone in sovrappeso o a chi soffre di diabete e ipertrigliceridimia.