fbpx

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Halloween: una festa da paura!

Pensate che Halloween sia un’invenzione americana?

Sbagliate!  La festa di Halloween è una ricorrenza di origine celtica.

Oltre a questo, zucche e travestimenti horror sono ben radicati nel folklore di molte regioni. Da secoli, in  Puglia,  la vigilia di Ognissanti si festeggia con zucche decorate (“cocce priatorje”) e davanti casa si accendono  falò per  illuminare la strada alle anime del purgatorio.

Intagliare zucche a forma di teschio, nella convinzione che quella stessa notte i morti escano dalle tombe, travestirsi da figure spaventose, è una tradizione secolare in Friuli, Veneto e Abruzzo. E se in Calabria, a Serra San Bruno,un’usanza vuole che i ragazzini bussino alle porte dei vicini sussurrando “Mi lu pagate lu coccalu? ” (“Me lo pagate il teschio?”) in Sardegna, aOgliastra e nel Nuorese, i bambini chiedono cibo e denaro sussurrando "Carchi cosa pro sas animas" ("qualcosa per le anime”)?

L’usanza di mascherarsi e bussare ai vicini in cerca di dolci è antica: risale alla tradizione cristiana di chiedere offerte in cambio di preghiere per i defunti. Ma ora si esagera! A fine serata, si calcola, ogni “questante” si spazzola in dolcetti vari 7000 calorie, l’equivalente calorico di 66 banane!

L’Oscar degli scherzi macabri va invece aBrasile, dove è diffusa l’abitudine di girare candid camera "cattivelle" che poi spopolano sul web.

Altro in questa categoria: « Il caco indeciso Il frutto della salute »