fbpx

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Rudolf: la renna dal naso rosso

Tutti i bambini lo sanno: il naso rosso e luminoso di Rudolph, la "nona renna" di Babbo Natale, serve a rendere visibile alla sua slitta il sentiero offuscato da tempeste di neve durante la consegna dei regali la notte di Natale. Questa peculiarità di fantasia avrebbe però anche una spiegazione scientifica, legata alle caratteristiche della vista delle renne. La luce rossa è dovuta dal fatto che, gli animali a differenza di tutti altri mammiferi vedano luce ultravioletta. Non solo, il tessuto riflettente presente negli occhi varia dal dorato al blu intenso durante i mesi invernali, aiutando così le renne a trovare il cibo ed evitare i predatori. Ovviamente, il blu però è invisibile in caso di nebbia per questo motivo è necessario che una di loro possa avere il naso rosso aiutandole a viaggiare.

Ma, a parte la spiegazione "scientifica", forse non sapete com'è nato Rudolf.
Il grande magazzino Montgomery Ward ha creato Rudolph la renna come espediente di marketing per incoraggiare i bambini ad acquistare i loro libri da colorare di Natale.
Il Rudolph originale non aveva un naso rosso, i nasi rossi erano visti come un indicatore dell' alcolismo cronico e Montgomery Ward non voleva che somigliasse a un ubriacone.
Per completare l' immagine originale, era quasi chiamato Reginald o Rollo.