fbpx

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Solstizio d'estate

Quest’anno il solstizio d’estate sarà sabato 20 giugno.

Ma da dove deriva il nome solstizio?

Il termine solstizio deriva dalla fusione di due parole latine, sol (sole) e sistere (fermarsi) e sta proprio ad indicare che il sole sembra essersi fermato nel punto più alto rispetto all'orizzonte del suo percorso annuale. Questo fenomeno è dovuto all'inclinazione dell'asse terrestre: il resto dell'anno, infatti, l'inclinazione della Terra sul suo asse fa sì che il percorso del sole nel cielo aumenti e diminuisca da un giorno all'altro.

Ci si potrebbe chiedere perché, se il solstizio è il giorno più lungo dell'anno, la temperatura di solito non raggiunge il suo picco annuale fino a un o due mesi dopo. Beh, sappiate che è perché l'acqua, che costituisce la maggior parte della superficie terrestre, ha un calore specifico elevato, il che significa che ci mette un po' di tempo per riscaldarsi e raffreddarsi. Per questo motivo, la temperatura della Terra impiega circa sei settimane per raggiungere il suo apice.

Sono molte le tradizioni legate al solstizio d’estate e questo giorno è sempre stato sinonimo di celebrazioni e riti, sin dall'antichità. Tuttora, nella cultura popolare questo evento astronomico viene associato all'idea di fertilità e prosperità della terra, che nel periodo estivo raggiunge effettivamente l'apice della vitalità.