fbpx

Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Origine dei saldi in Italia

Rubrica del giovedì: CURIOSITA’ E STRAVAGANZE

ORIGINE DEI SALDI IN ITALIA

Le prime leggi che interessano le vendite straordinarie risalgono al periodo di fine anni ’40. Una legge approvata il 2 giugno 1939 introduceva infatti, per la prima volta, le due categorie delle “vendite straordinarie” e delle “vendite di liquidazione”, ambedue definite “forme di vendita al pubblico con le quali un commerciante cerca di esitare in breve tempo tutte le proprie merci o gran parte di esse, presentando al pubblico la vendita come occasione particolarmente favorevole”.

Le merci che potevano essere vendute nelle “vendite straordinarie” erano soprattutto i capi di abbigliamento, dato che erano considerati prodotti di carattere stagionale, suscettibili di notevole deprezzamento se non venivano venduti entro un breve periodo di tempo. Come avviene oggi, i prezzi dovevano essere indicati chiaramente sulla merce e non potevano essere modificati durante il periodo della vendita straordinaria. 

A differenza di quanto avverrà in seguito, però, i commercianti potevano scegliere liberamente il periodo dell’anno in cui fare le vendite straordinarie.

Fu solo con la legge del 1980 che le Camere di commercio stabilirono i periodi dell’anno, al massimo due, in cui si potevano tenere i saldi, che non potevano durare più di quattro settimane.