Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Come è nata la caffettiera

Il caffé si diffuse in Europa agli inizi del Seicento, grazie ai veneziani e ai genovesi che commerciavano con l’Oriente.

Risale invece alla prima metà del Seicento l’apertura dei primi caffé pubblici a Venezia. L’uso del caffé si propagò poi in tutta Italia: la nuova bevanda infatti veniva apprezzata non solo per il suo gusto, ma anche perché si riteneva che possedesse delle proprietà digestive.

La diffusione del caffé nei paesi occidentali fu accompagnata dall’ideazione di svariati modelli di caffettiera.

Risulta che oggi in Italia di caffettiere se ne utilizzino soprattutto di tre tipi:

cuccumella

 

  la napoletana (cuccumella in napoletano), inventata dal francese Morize nel 1819; quando raggiunge l’ebollizione viene capovolta per avviare l’infusione che avviene per gravità

 

 

 

 

moka

 

  La moka fu inventata nel 1933 dal piemontese Alfonso Bialetti. Suo figlio Renato la rese poi famosa in tutto il mondo pubblicizzandola con “l’uomo con i baffi”;

 

 

 

 

macchine da caffè a leva gaggia

 La macchina espresso, che si presenta nelle versioni professionali da bar e in quelle da casa.

La prima macchina espresso italiana fu realizzata da un ingegnere milaneseDesiderio Pavoni, che nel 1905 fondò la ditta La Pavoni e iniziò a produrne una al giorno, in una piccola officina a Milano.
In seguito il milanese Achille Gaggia introdusse la macchina a pistoni, da cui sono derivate le versioni attuali: grazie ad esse si produce il caffé molto rapidamente e il suo sapore risulta meno amaro.