Al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti  e semplici da utilizzare questo Sito fa uso di cookies. Pertanto, quando si visita il Sito, viene inserita una quantità minima di informazioni nel dispositivo dell'Utente, come piccoli file di testo chiamati "cookie", che vengono salvati nella directory del browser Web dell'Utente.

Cos'è e a cosa serve il wasabi

La piccantissima pasta verde che accompagna sushi e sashimi deriva da una pianta di origine giapponese ed è molto costoso.
Quello che viene dato nella stragrande maggioranza dei sushi bar, non è infatti altro che polvere di rafano colorata.

Ma cos’è davvero e a cosa serve il wasabi?

La salsa wasabi, dalla consistenza pastosa, tanto da essere distribuita in commercio in tubi simili a quello del dentifricio, è ricavata da una radice, la Wasabi Japonica, cugina del rafano e della senape, che cresce spontanea nelle zone fredde del Giappone, in prossimità dei fiumi. Della pianta si utilizzano sia le foglie che il rizoma: le prime sono essiccate e aggiunte alle pietanze come insaporitore; il secondo, germoglio perenne della pianta spesso confuso con la radice, è usato per preparare la famosa salsa verde, dalla piccantezza profonda e audace.

Buono o cattivo che sia, il wasabi andrebbe adoperato da tutti come medicina naturale, tante sono le sue proprietà benefiche. Innanzitutto, facilita la digestione ed è un ottimo antibatterico: ecco qui giustificato il duetto con il crudo, poiché aiuta a sconfiggere eventuali intossicazioni.
Se assunto costantemente, sembra avere le stesse capacità antinfiammatorie di un blando paracetamolo. 
Oltre a questo, è ricchissimo di vitamina C e, di conseguenza, di antiossidanti: potrebbe essere uno degli elisir dei giapponesi, popolo famoso per la sua longevità.

Dall’elevato contenuto di acqua e di minerali, infine, ha un ruolo depurativo per l’organismo, contribuendo all’espulsione delle tossine e alla conseguente pulizia del fegato.